Sport

Se lo sport non è per tutti

In Italia quasi 1 minore su 5 non fa sport. Per il 30% circa dei bambini dai 6 ai 10 anni la causa è la condizione economica del nucleo familiare. Le aree sportive all’aperto (campi sportivi, piscine, campi polivalenti, ecc) sono divenute essenziali nell’emergenza legata alla pandemia, ma non sono presenti ovunque. Nelle città del nord-est si trova il 18% dei minori e quasi il 40% delle aree sportive all’aperto presenti nei capoluoghi italiani. In quelle del sud il 19% dei minori e solo il 10% delle aree sportive all’aperto.

Pochi spazi per lo sport anche nelle scuole, con forti differenze territoriali. Friuli e Piemonte sono le uniche regioni in cui il numero di scuole con strutture sportive supera il 50%. In fondo alla classifica troviamo Calabria (20,5%) e Campania (26,1%), che sono anche quelle con il minor numero di ragazzi e ragazze che praticano sport con continuità. Tra le 10 province con meno palestre, 9 si trovano nel Mezzogiorno.

Sono alcuni dei dati emersi nel rapporto nazionale sui minori e lo sport, realizzato dall’Osservatorio #conibambini promosso da Con i Bambini e Openpolis nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile e presentato lo scorso giugno in diretta sulla pagina Facebook di Con i Bambini.

Nel video una sintesi degli interventi. Il report completo, invece, è disponibile a questo link.

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK